T-RING gen2, SITUATIONAL AWARENESS TOOL

ITALIANO-ENGLISH



-ITA-

Quella che in gergo viene definita Situational Awareness, cioè la capacità di osservare e valutare con attenzione tutti gli elementi presenti in un determinato contesto ed essere in grado di adattarsi ai loro cambiamenti, è una skill fondamentale per chi lavora con un'arma nella fondina e meriterebbe di essere allenata con costanza e dedizione.

In un contesto reale, come ad esempio uno scontro a fuoco, rappresenta la capacità che può salvarci la vita, probabilmente più importante di precisione e velocità.

Non a caso, uno dei fondamenti del mondo militare è appunto Adapt, Improvise, Overcome.

Ma come possiamo svilupparla in allenamento?

Nella maggior parte dei casi, quello che simuliamo sui campi di tiro è la semplice distinzione tra bersaglio ingaggiabile e bersaglio no shoot, condizione che nel migliore dei casi può essere modificata ogni tanto prima di eseguire il nostro esercizio. Ma come sarebbe se questo mutasse durante l'esecuzione dell'esercizio? Pensate se durante i 10/15 secondi del nostro drill lo stesso bersaglio potesse non essere definito, o passare da no shoot a minaccia, oppure peggio ancora, palesarsi nuovamente come minaccia anche dopo averlo già ingaggiato una prima volta.

Risulterebbe notevolmente più complesso, non trovate?

Se ci pensate però, la realtà è disseminata di imprevisti, quindi affrontare certe situazioni al poligono potrebbe rivelarsi determinante per non farsi trovare "impreparati".

Per questo nasce T-Ring. Un oggetto semplicissimo, che se applicato con su uno o più bersagli, può rendere ogni esercizio diverso dal precedente, permettendoci conciliare tecnica e improvvisazione.

Il funzionamento di T-Ring è intuitivo: ROSSO-Minaccia, BLU-No Shoot (oppure, perché no, viceversa). In questa gen2 abbiamo introdotto 3 modalità di utilizzo, con 3 velocità, per adattarsi perfettamente alle vostre esigenze operative.

Tra le novità troviamo la modalità Shoot Back che, con tempi fedeli alla realtà, crea due flash bianchi per simulare un azione di fuoco da parte dell'avversario, stimolando lo sviluppo della consapevolezza nella mente del tiratore, che si vedrà costretto a spostarsi o trovare riparo.

Una volta acceso, si potrà selezionare la modalità facendo scorrere il cursore sul display led, azionando l'apposito pulsante posizionato sul lato del dispositivo. E' inoltre possibile disattivare il buzzer tenendo premuto il pulsante a fine ciclo, rendendo T-Ring ancora più insidioso.

Come il suo predecessore ha batteria integrata che garantisce oltre 3 ore di funzionamento continuativo. Ricaricabile tramite cavo microUSB sarà possibile prolungare la durata utilizzando un qualsiasi power bank da cellulare.

T-Ring gen2 sarà ordinabile a breve sul nostro shop online o tramite i nostri rivenditori autorizzati. Stay tuned...


-ENG-

What in the jargon is defined Situational Awareness, that is the ability to carefully observe and evaluate all the elements present in a given context and be able to adapt to their changes, is a fundamental skill for those who work with a weapon in a holster and it deserves to be trained with constancy and dedication.

In a real-world context, like a gunfight, it represents the ability that can save our lives, probably more important than accuracy and speed.

Not surprisingly, one of the foundations of the military world is "Adapt, Improvise, Overcome".

But how can we develop it in training?

In most cases, what we simulate on the shooting range is the simple distinction between an engageable target and a no-shoot target, a condition that, in the best of cases, can be changed every so often before performing our exercise. But what if this changed during the execution of the exercise? Think if during the 10/15 seconds of our drill the same target could not be defined, or go from no shoot to threat, or worse still, reveal itself again as a threat even after having already engaged it for the first time.

It would be considerably more complicated, don't you think?

If you think about it, however, reality is littered with unexpected events, so facing certain situations at the shooting range could prove to be crucial in order not to be found "unprepared".

This is why T-Ring was born. A very simple object, which if applied with one or more targets, can make each exercise different from the previous one, allowing us to reconcile technique and improvisation.

The operation of T-Ring is intuitive: RED-Threat, BLUE-No Shoot (or, why not, vice versa). In this gen2 we have introduced 3 modes of use, with 3 speeds, to perfectly adapt to your operational needs.

Among the novelties we find the Shoot Back mode which, with timing faithful to reality, creates two white flashes to simulate a fire action by the opponent, stimulating the development of awareness in the mind of the shooter, who will be forced to move or find cover.

Once switched on, the mode can be selected by sliding the cursor on the LED display, by pressing the appropriate button located on the side of the device. It is also possible to deactivate the buzzer by keeping the button pressed at the end of the cycle, making T-Ring even more insidious.

Like its predecessor, it has an integrated battery that guarantees over 3 hours of continuous operation. Rechargeable via microUSB cable, it will be possible to extend the life using any mobile power bank.

T-Ring gen2 will be available to order soon on our online shop or by our authorized dealers. Stay tuned ...

41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Subscribe to Updates

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

©2020 by UTAC. Proudly created with Wix.com